Il link di disiscrizione è positivo e fa bene al nostro email marketing

Il link di disiscrizione è positivo e fa bene al nostro email marketing

Quando progettiamo e pianifichiamo una campagna di email marketing dobbiamo ricordare che gli utenti saranno invogliati ad aprile e leggere la nostra newsletter se la troveranno utile e affine ai propri interessi.

Quali sono le migliori pratiche di marketing da adottare per rendere i nostri invii efficaci e puntuali per i destinatari?

Una buona norma spesso dimenticata è quella di inserire sempre il link di disiscrizione, senza temere che possa essere controproducente per la nostra attività.
Prestando attenzione alle ripercussioni su liste e consegne vedremo come la presenza di questo link abbia effetti positivi sulla nostra attività di email marketing.

Un iscritto che decida di non ricevere più i nostri messaggi ci sta dicendo che non è interessato alle nostre comunicazioni e contribuisce attivamente a rendere la nostra lista pulita e attendibile. Per ridurre il tasso di cancellazioni dobbiamo lavorare meglio e con più attenzione sulla segmentazione dei destinatari e sulla qualità del messaggio, che deve essere personalizzato e pertinente.

Google e i grandi provider stanno evolvendo i propri filtri anti-spam in modo sempre più personalizzato: migliorare la segmentazione migliorerà anche la nostra reputazione agli occhi del provider e di conseguenza avremo maggiori probabilità che i messaggi successivi siano considerati positivamente.

La presenza del link unsubscribe contribuisce in quest’ottica a metterci al riparo sia dal rischio che le nostre newsletter siano identificate come spam che dai problemi di consegna che ne deriverebbero.

I destinatari che non vogliono più ricevere le nostre email potrebbero anche segnalarle volontariamente come spam in mancanza di un link di disiscrizione ben evidente, causando un crollo della nostra reputazione e l’impossibilità di ottenere buone performance.
Anche quest’ultimo caso mostra come sia importante la segmentazione corretta e approfondita delle liste per raggiungere soltanto destinatari veramente interessati al nostro messaggio.

Infine un utile accorgimento da mettere in pratica è l’utilizzo di account di invio diversi a seconda della comunicazione da veicolare.
Così facendo potremo differenziare le liste di comunicazione massiva da quelle di email transazionali e garantire la consegna di messaggi importanti a tutti i nostri utenti.

 

 

Be Sociable, Share!